È necessario attivare JavaScript per poter visualizzare correttamente questo sito
News
10 febbraio 2022 Comunicati Stampa

Bim Belluno Infrastrutture, un 2021 da record per la produzione di energia green

1

Bim Belluno Infrastrutture, un 2021 da record per la produzione di energia green.
(fare clic su questo titolo per vedere il servizio di Telebelluno sull'argomento) 

Belluno, 10 febbraio 2022 – Proteggere il clima e contribuire concretamente alla transizione energetica? Con le rinnovabili si può. La conferma arriva da Bim Belluno Infrastrutture, la società in house dei Comuni bellunesi che gestisce, in provincia, diversi impianti ad energia rinnovabile. Bim Infrastrutture, infatti, ha chiuso il 2021 con una produzione record di energia pulita: ben 30 milioni di Kilowattora totalmente green, l’equivalente del consumo medio annuo di oltre 12mila famiglie.

A renderlo possibile, 35 piccole centraline idroelettriche, che utilizzano il salto dell’acqua, ovvero la differenza di quota, tra opera di presa e turbina. Grazie a macchine semplici e moderne, installate per lo più lungo le reti dell’acquedotto, è stata evitata l’emissione in ambiente di 14mila tonnellate di anidride carbonica, la cosiddetta CO2, gas con effetto serra particolarmente dannoso per l’ambiente e tra le cause del surriscaldamento globale. “Sostenibilità, innovazione ed efficienza energetica. Sono questi gli aspetti che contraddistinguono i piccoli impianti di produzione di energia idroelettrica che Bim Belluno Infrastrutture gestisce in provincia di Belluno per conto dei Comuni” commenta Bruno Zanolla, Amministratore Unico della società. “Sistemi assolutamente virtuosi – spiega Zanolla - che ben rappresentano il concetto di economia circolare.
 Pensiamo, ad esempio, alle applicazioni su acquedotto: grazie a turbine di piccola taglia, con gestione totalmente automatizzata, installate lungo le reti, condotte e serbatoi esistenti e utilizzate per la distribuzione di acqua potabile, recuperiamo l’energia potenziale contenuta nell’acqua, che, diversamente, andrebbe dispersa o dissipata in altre forme. Non solo, queste moderne applicazioni a tecnologia innovativa si inseriscono pienamente nella programmazione del nostro Paese, impegnato a raggiungere l’obiettivo di decarbonizzazione entro il 2050”.

E prosegue: “Se il 2021 è stato un anno decisamente record in termini di energia green generata, non meno rilevante è stato il triennio 2018/2020, dove la produzione ha raggiunto in totale gli 80 milioni di Kilowattora e sono state evitate emissioni di CO2 pari a 35mila tonnellate.

Modelli da non sottovalutare quindi, che se da un lato portano preziose risorse economiche nelle casse dei Comuni – 3 milioni di euro netti nel solo 2021 - dall’altro rappresentano una valida garanzia di sostenibilità ambientale. Non dimentichiamo – aggiunge l’amministratore di Bim Infrastrutture - che nella Strategia Energetica Nazionale grande importanza riveste il rinnovabile, settore in cui l’idroelettrico pesa poco meno del 40%. Se vogliamo avere una maggiore autonomia energetica per contrastare gli effetti del caro-energia e contribuire ai percorsi in atto verso la transizione energetica nazionale, la strada del rinnovabile e dell’autoproduzione di energia pulita è una soluzione da tenere in considerazione oggi e in futuro, sia a livello di singolo cittadino che di amministrazioni locali, regionali e statali. Una scelta di responsabilità quindi, con molteplici benefici per le comunità locali, ambientali innanzitutto, ma anche di aumento della resilienza dei territori montani e di reale sviluppo sostenibile della nostra provincia. Sulla base del mandato ricevuto dai Sindaci soci – conclude Zanolla - come società pubblica proseguiremo nella direzione degli investimenti da realizzare in questo settore nel medio e lungo termine: ai 36 milioni di euro investiti nel tempo da parte di Bim Infrastrutture con la realizzazione di questi piccoli impianti, se ne aggiungeranno altri nel 2022, sempre in ottica di recupero energetico ma estendendo il campo di applicazione anche ad altre fonti: l’idrogeno verde, giusto per fare un esempio, e altri green gas”.

torna in cima